Laura Curino e Anagoor raccontano l’intelligenza e lo spirito che seppero trasformare uomini straordinari in “santi sociali”.

A duecento anni dalla nascita di Don Bosco, Laura Curino e la Compagnia Anagoor narrano l’intelligenza e lo spirito di quegli uomini straordinari riuniti comunemente sotto la definizione di “santi sociali”, che a Torino si presero cura delle necessità, dei dolori e delle ferite del popolo e soprattutto dei giovani dell’Italia appena nata. «Don Bosco, Cottolengo, Cafasso, Faà di Bruno, Murialdo, Giulia di Barolo e poi ancora Don Orione, Allamano, Frassati, Domenico Savio e tantissimi altri. Nessuna regione come il Piemonte – scrivono Curino e Derai – ha avuto tra il 1811, l’anno in cui nasce San Giuseppe Cafasso, e il 1888, l’anno in cui muore Don Bosco, una così alta concentrazione di vite straordinarie che hanno scelto i poveri e per loro si sono impegnati in imprese che hanno lasciato un segno nelle loro vite e nella città. Facile il cinismo, facile l’agiografia: quella di raccontare il “bene” è sempre impresa ardua. Ma ogni impresa lo è. Raccontare le vite degli uomini è un’impresa altrettanto ardua. Raccontare la vita di un santo lo è ancora di più. C’è sempre un’immensa sproporzione tra la fissità di un volto che si è cristallizzato nell’immaginario collettivo e la mobilità inafferrabile di una vita vera. Veri o romanzati che siano, contaminati o meno dal potere poetico della memoria, torna anche nei sogni il vento di un secolo visionario e il senso romantico della sproporzione tra l’individuo e l’orizzonte, il singolo di fronte all’impresa che giganteggia».

Acquista on-line

Santa Impresa Gobetti 19/5 – 7/6/15
progetto di Laura Curino e Anagoor
con Laura Curino
regia Simone Derai
progetto scenico Anagoor
luci Lucio Diana
musiche Mauro Martinuz
ideazione video Anagoor e Giulio Favotto
ideazione e realizzazione costumi Federica De Bona e Silvia Bragagnolo
progetto drammaturgico Laura Curino e Simone Derai
assistente alla regia Marco Menegoni
assistente alla drammaturgia Beatrice Marzorati
Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale
prima assoluta