Due atti unici riuniscono Carlo Cecchi e Angelica Ippolito. Dolore sotto chiave è una girandola di situazioni grottesche, per ridicolizzare la morte con una punta di amarezza. Sik Sik l’artefice magico è tra i lavori più tragicomici del drammaturgo napoletano: un illusionista maldestro si esibisce in teatri di infimo ordine con la moglie e un assistente.

di Eduardo De Filippo
regia Carlo Cecchi
Marche Teatro
Teatro di Roma – Teatro Nazionale
ElleDiEffe