“VANGELO SECONDO LORENZO” DI LEO MUSCATO E LAURA PERINI, CON ALEX CENDRON, PER LA REGIA DI LEO MUSCATO DEBUTTA MARTEDÌ 19 MARZO AL TEATRO CARIGNANO DI TORINO

Al Teatro Carignano di Torino, martedì 19 marzo 2019, alle ore 19.30, debutta VANGELO SECONDO LORENZO scritto da Leo Muscato e Laura Perini, diretto dallo stesso Muscato. Lo spettacolo è interpretato da Alex Cendron (nella parte di Lorenzo Milani) e da (in ordine alfabetico) Alessandro Baldinotti, Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Nicola Di Chio, Silvia Frasson, Dimitri Frosali, Fabio Mascagni, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Beniamino Zannoni. Con loro in scena sette bambini nel ruolo degli allievi della scuola di Barbiana: Pietro Carrara, Giovanni Carrara, Corrado Casalini, Duccio Casalini, Giulio Elefante, Mattia Mazzoni, Ilaria Pascale. La scenografia è di Federico Biancalani, i costumi di Margherita Baldoni, il disegno luci di Alessandro Verazzi.
Vangelo secondo Lorenzo, prodotto da Elsinor Centro di Produzione Teatrale, Arca Azzurra Teatro, Teatro Metastasio di Prato per Fondazione Istituto Dramma Popolare di San Miniato, resterà in scena al Carignano per la Stagione in abbonamento del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale fino a domenica 24 marzo.

Leo Muscato racconta Don Milani, il “prete scomodo” che ispirò il ’68. Sacerdote anticonformista, appassionato educatore dei figli della classe operaia, il parroco di Barbiana arriva a teatro.

Dopo l’avventura, e il successo, de Il nome della rosa da Eco, Leo Muscato torna allo Stabile di Torino con un ritratto dedicato a Don Lorenzo Milani, il prete scomodo, il prete dei poveri, che nell’Italia ingessata e classista del secondo dopoguerra provò – violentemente osteggiato – a riscattare dall’analfabetismo i figli di contadini e operai. Lo spettacolo, scritto con Laura Perini e nato nel 2017 nel cinquantennale della morte del parroco di Barbiana, condensa in due atti un materiale sconfinato, fatto di lettere, testimonianze, libri, racconti.
Nessuna lettura agiografica ma il ritratto di un uomo controverso: sacerdote militante, obiettore di coscienza, educatore appassionato inviso alle gerarchie della Chiesa.
Un uomo di fede controcorrente, un utopista, un rivoluzionario, un disobbediente, un novello San Francesco. Tanto è stato detto e scritto su Don Milani, tra condanna e riabilitazione postuma. Il progetto ha un respiro dichiaratamente pop e l’obiettivo di portare al più ampio pubblico «un padre semisconosciuto e per tanto tempo osteggiato della nostra cultura».
Alex Cendron, interprete anche di cinema e tv, è protagonista accanto a sette giovanissimi debuttanti nel ruolo degli scolari di Barbiana.
«Conoscere i ragazzi dei poveri e amare la politica è tutt’uno. Non si può amare creature segnate da leggi ingiuste e non volere leggi migliori. Non c’è nulla che sia ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali», scriveva Don Lorenzo Milani nel suo testo più famoso, Lettera a una professoressa, del 1967.

 

01_CS_VANGELO SECONDO LORENZO_REGIA MUSCATO

02_Scheda a cura della Compagnia Vangelo

 

 

2019-03-11T11:31:28+00:00
Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni » Ok, ho capito