La prima regia di Martone dal teatro di Eduardo nasce come gesto politico,  in sintonia con quanto Luca De Filippo aveva voluto fare prima della sua scomparsa, avviando un importante progetto di recupero per giovani emarginati attraverso una scuola di teatro: non è dunque un caso se lo spettacolo nasce come coproduzione con la compagnia di Luca. Al centro del cast c’è Francesco Di Leva, nei panni di Antonio Barracano e intorno a lui diversi protagonisti del NEST, che da più di un decennio agiscono sul territorio a favore delle categorie socialmente più deboli, ma potenzialmente più forti dal punto di vista del cambiamento e della creatività: bambini e giovani.

Nel marzo del ‘77, a diciassette anni, avevo formato il mio primo gruppo e debuttavo col mio primo spettacolo: non c’è modo migliore per me di festeggiare questi quarant’anni di perpetuo movimento tra teatro, cinema e opera che trovarmi oggi in una sala di cento posti nella periferia di Napoli a lavorare con un gruppo, un vero gruppo, come quelli a cui ho dato vita negli anni ‘80 (da Falso Movimento a Teatri Uniti). Gli attori del Nest, a cominciare da Francesco Di Leva, così come il regista Giuseppe Miale Di Mauro, non aspettano che la sorte venga loro incontro con chiamate dall’alto attraverso i provini, ma si rimboccano le maniche, trovano un senso nel confronto collettivo, sviluppano idee e si attrezzano perché queste idee in un modo o in un altro prendano forma. “Fare con quello che c’è” diceva Antonio Neiwiller, e mai come in queste zone abbandonate da Dio e dalla politica tali parole prendono un significato che va oltre il fare teatro per allargarsi a una possibilità di esistenza e di convivenza. È grazie a questa tenacia che il Nest è riuscito a trasformare una palestra abbandonata in un teatro, ed è questa stessa tenacia che ha convinto Luca De Filippo a mettere nelle mani di un attore di trentotto anni un personaggio tra quelli mitici di Eduardo, il “Sindaco” Antonio Barracano, che da copione di anni ne prevede settantacinque. Non è stata la mia presenza a convincere Luca a dare i diritti, io sono stato coinvolto successivamente. È stata l’intelligenza di Luca, la sua vocazione a guardare gli aspetti sociali del fare teatro ereditata dal padre (“se un’idea non ha significato e utilità sociale non m’interessa lavorarci sopra” diceva Eduardo), a consentirgli di cogliere lo sguardo acceso di questi attori, la “necessità” che li muove nel recitare. Ma l’occasione per me è doppiamente interessante. Il Sindaco del Rione Sanità è infatti il mio primo Eduardo. Mi sono sempre tenuto alla larga, perché mettere in scena i suoi testi significa assumere inevitabilmente non solo quanto c’è scritto sulla carta ma anche (e in troppi casi soprattutto) il macrotesto delle messe in scena di De Filippo attore e regista, tramandato e codificato attraverso le innumerevoli recite e le varie versioni televisive. Sgomberare il campo, impedire alla radice che questo accada con un così deciso spostamento d’età del protagonista, consente di mettere il testo alla prova della contemporaneità (oggi i boss sono giovanissimi) e di leggerlo come nuovo. Non aspettatevi le illusioni del vecchio Barracano nato dell’800, che ancora consentivano di tracciare dei confini morali: qui affiora un’umanità feroce, ambigua e dolente, dove il bene e il male si confrontano in ogni personaggio, dove le due città di cui sempre si parla a Napoli (la legalitaria e la criminale) si scontrano in una partita senza vincitori. Perché, è inutile fingere di non vederlo, la città è una e, per quanta paura faccia, nessuno può pensare di tagliarla in due.

Mario Martone
“Il Venerdì” de “La Repubblica”, 24 febbraio 2017

di Eduardo De Filippo
regia Mario Martone
con Francesco Di Leva, Giovanni Ludeno

Adriano Pantaleo, Giuseppe Gaudino, Daniela Ioia
Gennaro Di Colandrea, Viviana Cangiano, Salvatore Presutto, Lucienne Perreca, Mimmo Esposito, Morena Di Leva, Ralph P, Armando De Giulio, Daniele Baselice

con la partecipazione di Massimiliano Gallo

scene Carmine Guarino, costumi Giovanna Napolitano
luci Cesare Accetta, musiche originali Ralph P

regista collaboratore Giuseppe Miale Di Mauro
assistente scenografo Mauro Rea
laboratorio scenografico Retroscena
capo elettricista Giuseppe Di Lorenzo
fotografie Mario Spada
manifesto Carmine Luino
Elledieffe
NEST Napoli Est Teatro
Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

Acquista ora