ARIOSTO VISTO DA CALVINO

Le cose perse in Terra dove vanno a finire? Orlando perde il senno sulla Luna, luogo della nostra aspirazione e somma di tutte le storie, ne è prigioniero. Cosa rimane? Sempre cercando, Orlando percorre una Terra arida, ormai lunare e trova nei Tarocchi la composizione del suo racconto, in frammenti di poema che s’intrecciano per riacquisire la ragione tra Re e Regine di spade, Cavalieri di bastoni, Carro, Sole e Matto. Da un’idea di Pietrangelo Buttafuoco, l’incontro di due autori geniali e fantasiosi come Ariosto e Calvino (di cui nel 2023 ricorre il Centenario) diviene terreno fertile per una narrazione suggestiva, dove le occasioni perdute diventano trame simultanee e piene di nuovi sviluppi. Graziano Piazza dirige  lo spettacolo, interpretandolo insieme a Viola Graziosi, Irene Paloma Jona, Nicola Morucci.

Ariosto visto da Calvino fra destini incrociati
da un’idea di Pietrangelo Buttafuoco
liberamente ispirato all’Orlando Furioso di Ariosto e a testi di Italo Calvino
con Graziano Piazza, Viola Graziosi, Irene Paloma Jona, Nicola Morucci
regia e drammaturgia di Graziano Piazza
con la collaborazione scenica di Controluce Teatro d’ombre
musiche Patrizio Maria D’Artista
costumi Maria Grazia Cimini
Teatro Stabile d’Abruzzo, Teatro Stabile Torino Teatro Nazionale