Ragazzi di vita
29 gen – 10 feb 2019

  • Ragazzi di vita - Massimo Popolizio
Ragazzi di vita
29 gen – 10 feb 2019
2018-11-13T12:46:37+00:00

Tre premi alla regia per Massimo Popolizio che fa muovere su un palcoscenico nudo lo sciame struggente dei “borgatari” di Pasolini. Un’umanità vivida e dolente per uno spettacolo preso d’assalto da un pubblico numerosissimo ed entusiasta. Drammaturgia di Emanuele Trevi.

Nato nel 2016, a quarant’anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini, Ragazzi di vita, con la regia di Massimo Popolizio, primo adattamento del romanzo per il palcoscenico con la drammaturgia di Emanuele Trevi, è diventato immediatamente un caso. Vincitore di tre premi alla regia (Ubu, Critica e Le Maschere), ha attirato una massa di spettatori entusiasti. Su un palcoscenico spoglio, che riproduce la povertà e il degrado delle periferie romane del secondo dopoguerra, Popolizio intreccia le storie dei giovanissimi “borgatari” che colpirono l’autore friulano al suo arrivo a Roma nel 1950. Riccetto, Lenzetta, il Caciotta, Amerigo, Begalone, Alvaro, Spudorato e gli altri, con le loro piccole vite fatte di espedienti, in cerca di qualche soldo e di passatempi per ammazzare la noia, sono l’affresco della povertà morale e materiale dell’Italia degli ultimi, degli emarginati, alla vigilia di un boom economico che, nella visione pasoliniana, è portatore di un benessere materiale che toglie l’innocenza. Una ventina di personaggi in scena, in un brulichio di corpi e di voci, in dialetto romanesco. «Una lingua inventata, artificiale», sottolinea Emanuele Trevi, così come viene percepita dal “narratore/autore” (Lino Guanciale) che è, come Pasolini, rispetto a quella realtà, uno “straniero”. L’allestimento di Massimo Popolizio porta dentro le giornate dei giovani sottoproletari, nella loro furiosa, impulsiva, struggente lotta con la quotidianità. «Una vitalità infelice, la loro. E la cosa più commovente in quest’opera – conclude il regista – è proprio la mancanza di felicità».


di Pier Paolo Pasolini
drammaturgia Emanuele Trevi
con Lino Guanciale
e Sonia Barbadoro, Giampiero Cicciò, Verdiana Costanzo, Roberta Crivelli, Flavio Francucci, Francesco Giordano, Lorenzo Grilli, Michele Lisi, Pietro Masotti, Paolo Minnielli, Alberto Onofrietti, Lorenzo Parrotto, Silvia Pernarella, Elena Polic Greco, Francesco Santagada, Stefano Scialanga, Josafat Vagni, Andrea Volpetti
regia Massimo Popolizio
scene Marco Rossi
costumi Gianluca Sbicca
luci Luigi Biondi
canto Francesca della Monica
video Luca Brinchi e Daniele Spanò
assistente alla regia Giacomo Bisordi
Teatro di Roma – Teatro Nazionale


Codice spettacolo 19

ACQUISTA ONLINE

durata spettacolo
1h e 45 min

orario spettacoli
29 gen / mar ore 19.30
30 gen / mer ore 20.45
31 gen / gio ore 19.30
1 feb / ven ore 20.45
2 feb / sab ore 19.30
3 feb / dom ore 15.30

5 feb / mar ore 19.30
6 feb / mer ore 20.45
7 feb / gio ore 19.30
8 feb / ven ore 20.45
9 feb / sab ore 19.30
10 feb / dom ore 15.30

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi